Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Lavoro»

Lsu-Lpu di Gioia Tauro, De Gaetano: Pagano le conseguenze della crisi      
  5 maggio 2009
 

REGGIO CALABRIA. Il segretario regionale di Rifondazione comunista, Nino De Gaetano, interviene, con una nota, sulla situazione dei lavoratori Lsu e Lpu della Piana di Gioia Tauro. Quanto Rifondazione comunista aveva previsto nei mesi scorsi - afferma De Gaetano - denunciando il blocco delle stabilizzazioni deciso dal governo Berlusconi e paventando pesantissime conseguenze sul fronte sociale ed economico, si sta purtroppo avverando sotto i nostri occhi, giorno dopo giorno. Lo conferma, da ultimo, il grido degli Lsu ed Lpu della Piana di Gioia Tauro, che sperimentano sulla loro pelle le irresponsabili scelte politiche del centrodestra deciso, evidentemente, a scaricare la crisi economica proprio sulle fasce e sui territori più deboli. Alla vigilia dell?assemblea convocata dagli Lsu ed Lpu per il 7 maggio a Gioia Tauro - afferma ancora De Gaetano - esprimiamo ai precari della Piana il sostegno del Prc calabrese. È senza dubbio vero che, pur in un contesto di generale disagio economico, la situazione della Piana di Gioia Tauro continua a spiccare per la sua peculiare drammaticità, tra enti locali con le casse dissestate e una decina di Comuni sciolti per infiltrazioni mafiose. In questo scenario le richieste degli Lsu ed Lpu di interventi finanziari straordinari non sono solo legittime, ma sacrosante: non sono infatti i lavoratori a dover scontare i guasti di gestioni dissennate o le scelte politiche di un governo nazionale che, mentre aiuta i corsari dell?Alitalia, condanna i precari alla disoccupazione, confermando, se ce ne fosse davvero bisogno, l?incoscienza con cui il centrodestra tratta il tema del lavoro. Naturalmente, e come sempre - conclude De Gaetano - Rifondazione comunista è pronta a sostenere la piattaforma rivendicativa degli Lsu ed Lpu della Piana di Gioia Tauro, unendo la propria voce anche questa volta a quella dei lavoratori calabresi nelle loro legittime richieste. (05-05-09)

 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa