Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Lavoro»

Cgil e Cisl: “Stato d’agitazione tra i dipendenti della Schillacium”      
  21 settembre 2011
 


CATANZARO. Lo stato di agitazione del personale della Schillacium di Soverato, società che si occupa della raccolta dei rifiuti solidi urbani, è stato proclamato da Cgil e Cisl, secondo cui “lo sciopero diventa inevitabile e di sicuro non sarà di un solo giorno”. A renderlo noto sono i sindacalisti Bruno Talarico, della Fp-Cgil e Domenico Marra, della Fit-Cisl che hanno incontrato i vertici dell’azienda “per discutere in merito alle difficoltà della stessa ed in particolare rispetto al mancato pagamento degli stipendi dei dipendente la cui erogazione è ferma al mese di giugno 2011”. “Ovviamente - affermano i due sindacalisti - l’incontro non ci ha per nulla soddisfatto anzi le risposte date dai vertici non sono state per nulla convincenti in quanto sono state la palese dimostrazione che rispetto a quanto concordato a fine giugno in Prefettura, poco o niente è stato fatto. Ed in particolare, oltre al disimpegno dell’azienda, che a loro dire trova giustificazione con la recente crisi determinatasi con la discarica di Catanzaro/Alli, registriamo che anche l’atteggiamento di molti dei Comuni non è assolutamente cambiato anzi è certamente peggiorato”. “Come sindacato - concludono Talarico e Marra - riteniamo urgente e necessario l’apertura di un tavolo tecnico su tutto il settore, richiesta che già in precedenza avevamo formulato, la cui regia deve essere necessariamente affidata a Regione e Provincia che a questo punto non si possono assolutamente sottrarre”.

 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa