Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Spettacoli»

Pasquale Tripodi: “Il Festival “Gira lu mundu” è un evento importante”      
  9 agosto 2013
 


REGGIO CALABRIA. “Il festival internazionale del folklore “Gira lu mundu” rappresenta un momento autentico di interpretare e riscoprire la nostra Calabria attraverso il suo grande patrimonio culturale ed artistico”. Così, il consigliere regionale Pasquale Tripodi ha aperto la conferenza stampa del festival internazionale in programma sabato 10 e domenica 11 agosto sul lungomare di Pellaro dove saranno allestiti anche stand gastronomici con prodotti caratteristici delle tradizioni locali e straniere. “Per noi - ha aggiunto - è motivo d’orgoglio poterlo ospitare, dando seguito alle trentaduesime edizioni della sua storia, che hanno rilanciato il valore dell’interculturalità e della ricerca storica quali aspetti qualificanti dei rapporti e degli scambi tra la Calabria e le altre Nazioni”. L’Aula Commissioni di Palazzo Campanella, nella quale è stato presentato il programma dettagliato dell’evento e sono intervenuti il presidente regionale Ufi Beniamino Scopelliti ed il presidente de “I Peddaroti” Carmelo Eugenio Alampi, si presenta con un suggestivo colpo d’occhio: con indosso i costumi tipici, i rappresentanti del gruppo folk “i Peddaroti”, mentre a sancire il valore dell’interculturalità, gli esponenti dell’Est Europa e del Sud America: Ucraina e Paraguay. “L’obiettivo di promuovere e valorizzare il patrimonio storico-culturale, diffondendo la cultura della terra di Calabria e rappresentando con propri canti, danze e atti di vita quotidiana d’altri tempi le tradizioni popolari reggine e nello specifico pellaresi, tradizioni da salvaguardare e da trasmettere alle future generazioni, è portato avanti con passione e dedizione dall’associazione culturale “gruppo Folk I Peddaroti” che nasce nel lontano 1978”, ha aggiunto Pasquale Tripodi, che ha evidenziato alcune note dolenti. “Pur essendo una rassegna innovativa sul piano dei contenuti e della formazione sociale, rappresentando infatti una delle maggiori espressioni culturali ed artistiche per i cittadini italiani e stranieri presenti sul nostro territorio, il Festival non riceve adeguata valorizzazione. Mi costa dirlo, ma le cose stanno proprio così: la provincia reggina, diversamente dalle altre, non riceve la giusta attenzione dal punto di vista culturale. Sono diverse le realtà artistiche che insistono sul nostro territorio e che sono costrette ad andare avanti unicamente con i loro sacrifici”, ha concluso Tripodi.

 

 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa