Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Economia»

Renzi sull’Expo: “Non ha senso portare i Bronzi a Milano”. Maroni: “Fa i capricci”      
  3 settembre 2014
 


ROMA. “Spostare i bronzi di Riace, da Reggio a Milano non ha senso. Perché spostare i bronzi da Reggio Calabria a Milano quando dovrei portare i visitatori da Milano a Reggio?”. Lo ha detto Matteo Renzi a radio Rtl. ”Matteo Renzi fa i capricci sui Bronzi per Expo 2015 Milano. Proprio come i bambini, ha detto bene l’Economist” replica sul suo profilo Twitter è il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, commentando la frase del premier Matteo Renzi. “Ha ragione Matteo Renzi: spostare i Bronzi di Riace da Reggio Calabria a Milano per l’Expo non ha alcun senso” ha invece dichiarato in una nota il candidato alle primarie del centrosinistra per l’elezione del presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio. “I campanilismi e le gelosie - ha aggiunto Oliverio - non c’entrano nulla. L’Expo 2015 è nato con l’obiettivo far conoscere a milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo le bellezze di Milano e dell’Italia con pacchetti integrati di viaggio. È questa, dunque, un’occasione irripetibile per portare, attraverso incentivi e facilitazioni, i visitatori dell’Expo da Milano in Calabria. La nostra regione - conclude Oliverio - ha un patrimonio culturale di inestimabile valore, di cui i Bronzi costituiscono uno dei simboli più alti. Essa, quindi, può e deve diventare una tappa straordinaria nei percorsi dell’importante evento milanese per proiettare nel mondo il grande patrimonio di bellezze culturali, paesaggistiche e naturalistiche della nostra terra”. ”Matteo Renzi ha dichiarato ai microfoni di Radio RTL 102: “Spostare i Bronzi di Riace da Reggio a Milano non ha senso. Perché spostare i Bronzi da Reggio Calabria a Milano quando dovrei portare i visitatori da Milano a Reggio?”. Finalmente una parola chiara e netta dal Governo. Ma sarà meglio confermarla in una nota ufficiale che tolga il campo a qualsiasi equivoco o colpo di coda”. È quanto si legge invece in una nota del Comitato per i Bronzi di Riace e il Museo. “Esprimiamo soddisfazione - prosegue la nota - per lo sbocco positivo dell’ennesima “campagna d’estate” che ha investito i due capolavori. Non siamo stati soli nel difendere le “buone ragioni” dei due guerrieri e del loro diritto di essere lasciati in pace e offerti al mondo nella loro stupenda casa nel Museo di Reggio Calabria, in una città e in un territorio che rappresentano una parte rilevante della cultura greca classica. Cultura di cui sono figli illustrissimi. Dobbiamo questo risultato alla fermezza della Bonomi e a tutti coloro (intellettuali e studiosi di grande valore, associazioni, movimenti) che si sono schierati dalla parte della ragione contro la protervia e l’arroganza degli aspiranti depredatori e le complici connivenze di nuovi ascari. La risposta più bella a tante menzogne - conclude la nota - l’hanno data i 40.000 visitatori d’agosto e i 178.000 dall’inizio del 2014”. Per la petizione #proteggiamo i bronzi firma qui http://firmiamo.it/reggio--calabria--bronzi-di-riace--il-loro-m useo#comments.


 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa