Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Economia»

Expo, il sindaco di Saracena: “Da Oliverio e Renzi chiusura culturale”      
  4 settembre 2014
 


SARACENA. "L'esperto Presidente Mario Oliverio ed il suo giovane segretario politico nonché Premier Matteo Renzi dimostrano un'analoga chiusura culturale ed ideologica che è molto preoccupante". Lo afferma in una nota il sindaco di Saracena, Albino Gagliardi. "Le dichiarazioni - aggiunge - senza contenuto e senza motivazioni adeguate, fatte dal Capo del Governo e dall'aspirante candidato alle primarie del centro sinistra, contrarie alla circolazione ed alla promozione nazionale ed internazionale di marcatori identitari ed attrattori turistici straordinari come i Bronzi di Riace, solo per aderire agli umori ed agli istinti non si capisce bene di chi, dimostrano la grande differenza tra la Politica intesa come governo delle occasioni e preparazione del futuro da una parte e, dall'altra, la politica di Oliverio e Renzi vissuta come perenne funzione notarile delle pulsioni popolari o degli interessi di caste, gruppi o fette dell'opinione pubblica. La qualità del governo della cosa pubblica si misura anche e soprattutto dalla capacità di saper contrastare gli umori delle piazze. Non si può continuare a governare per la sola ricerca del consenso. I risultati di questo modo di far politica sono sotto gli occhi di tutti". "Qualcuno - prosegue Gagliardi - diceva in passato di pensare alle prossime generazioni e non alle prossime elezioni. Del resto anche lo stesso silenzio di quel che rimane dell'ex Giunta Scopelliti su questa vicenda paradossale, in primis del pur loquace assessore regionale alla cultura Mario Caligiuri, dimostra che vi è una cappa quasi omertosa sull'argomento sul quale, non si capisce perché, è meglio non esporsi. L'Expo 2015 è una di quelle straordinarie occasioni di visibilità e promozione diffusa del brand Italia nel suo complesso (non di Milano) di cui anche e soprattutto i Bronzi fanno parte. Sprecare adesso anche questa occasione, tenendoli lontani dai flussi mondiali che raggiungeranno l'Expo, perennemente chiusi ed isolati nel Museo di Reggio Calabria che per la sua offerta dovrebbe far registrare visitatori migliaia di volte superiori quelli censiti ad oggi, significherebbe mettere un sigillo indelebile sulla totale inaffidabilità trasversale di una classe dirigente regionale sempre pronta ad imbastire polemiche sulla difesa a parole della propria identità ma nei fatti incapace di tutelare e promuovere il suo immenso patrimonio: da quello naturale a quello storico-culturale a quello delle risorse umane".



 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa