Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Economia»

La Coldiretti: “Dal biologico e dal cosiddetto chilometro zero nuove occasioni di lavoro”      
  8 settembre 2014
 


CATANZARO. “Dalle produzioni agricole biologiche e dal km zero, come testimoniano i dati diffusi recentemente in occasione del “Sana 2014”, il salone internazionale del biologico e del naturale, possono venire per la Calabria occasioni significative di lavoro e occupazione diretta e indiretta”. Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria ne è convinto e ne spiega i motivi. “Il primo è l’appeal che queste produzioni hanno sul consumatore che sempre di più le mette nel carrello della spesa poiché ritiene che e fondamentale avere una alimentazione di buona qualità a beneficio della propria salute, abbracciando i principi della sostenibilità ambientale, economica e sociale. La forza della nostra regione su questo segmento di mercato - continua - è testimoniata anche dal fatto che circa 120mila ettari (oltre i 20% della SAU totale calabrese) sono coltivati a biologico grazie all’impegno di oltre 7000 tra produttori,produttori/trasformatori e trasformatori collocando la nostra regione al secondo posto in Italia. È evidente - prosegue - che di questa tendenza dobbiamo far tesoro e quindi adottare una strategia commerciale per le produzioni biologiche capace di ripercuotersi sulla valorizzazione del prodotto. Il PSR regionale 2014-20 destina al biologico una dotazione di ben 250 milioni circa di euro di aiuti che non possiamo sprecare; quindi per dare “corda economica” è importante prevedere vincoli di commercializzazione delle produzioni in modo da permettere di aumentare il grado di penetrazione dei mercati. In parallelo - conclude Molinaro - l’altra necessità ed è garantire maggiori e rigorosi controlli tecnici - amministrativi-fiscali sulla certificazione del prodotto biologico proprio per non consentire di sottrarre risorse pubbliche in modo truffaldino, come accaduto in casi recenti (olio biologico) altrimenti per produttori disonesti e sleali diventa una doppia rendita”.

 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa