Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Politica»

Regionali: alla verifica di Sel una lista unitaria con Pdci e Idv”      
  8 settembre 2014
 


CATANZARO. “Sel e oltre Sel: è questo l’intento che vogliamo perseguire nella imminente elezione per il rinnovo del Consiglio regionale. Con questo spirito la Segreteria regionale di Sel si è incontrata con i segretari regionali dei partiti Comunisti italiani, rappresenti da Michelangelo Tripodi, l’associazione politica Essere di Sinistra, rappresentata da Rocco Tassone e Nicola Corbino e Italia dei valori con il segretario regionale Mario Caligiuri”. Lo afferma, in una nota, il segretario regionale di Sel Mario Melfi. “Un primo ed importante passo - prosegue - per verificare se vi sono le condizioni di condividere una lista unitaria, nelle 5 Province calabresi, che sappia parlare ai calabresi, offrendo reali soluzioni dei maggiori problemi cui essi sono assoggettati. Un progetto che non si chiude, certamente, nei soli protagonisti presenti, ma capace di aprirsi alla società civile e precipuamente a quelle associazioni e movimenti che in questi anni hanno fatto significative battaglie di civiltà nel territorio calabrese. Un “Cantiere progettuale realizzabile, più che politico” che guarda al Pd, senza sudditanza, ma conscio che lo stesso ha il compito di imprimere, maggiormente, una svolta importante all’agenda politica calabrese. In questo “Cantiere” i manufatti principali sono rappresentati dal pianeta sanità, che assorbe l’80% del bilancio regionale e che necessita di una profonda revisione; dal settore ambiente ed energia dove sui rifiuti siamo al collasso e sul dissesto idrogeologico siamo in forte ritardo; dal settore trasporti ed infrastrutture; da nuove linee strategiche sul Por 2014-2020, che hanno il compito di realizzare la crescita economica e quindi aggredire il fenomeno della disoccupazione ed inoccupazione, con l’utilizzo oculato dei Fondi europei. Il possibile ritorno alle casse comunitarie di un miliardo di euro da parte di questo governo regionale grida vendetta”. “Un “Cantiere” - conclude Melfi - che sappia restituire alle persone il diritto di cittadinanza, affrancandole dalla criminalità e dal bisogno. Su queste basi, nei prossimi giorni, gli intervenuti si sono dati appuntamento per elaborare e sottoscrivere un possibile documento ufficiale”. Infine, è stata chiesta da Mario Melfi, “un’adesione convinta” alle primarie di coalizione per il candidato a Governatore Gianni Speranza.

 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa