Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Economia»

Al via l’iter per il nuovo ospedale della Sibaritide: lavori per 143 milioni      
  9 settembre 2014
 


CATANZARO. Un investimento di 143 milioni di euro per la realizzazione del nuovo ospedale della Sibaritide, i cui lavori dovranno essere completati entro il mese di gennaio del 2018. È partito, infatti, l’iter finale per la realizzazione della struttura, con la firma del contratto di assegnazione dei lavori. La firma è avvenuta nella sede di palazzo Alemanni, a Catanzaro, alla presenza del presidente facente funzioni della Regione, Antonella Stasi, dell’assessore regionale ai Lavori pubblici Giuseppe Gentile, del sottosegretario regionale alla Protezione civile, Giovanni Dima. Presenti anche i sindaci di Corigliano Calabro, Giuseppe Geraci e di Rossano, Giuseppe Antoniotti. La firma sul contratto è stata apposta dal rappresentante della società Tecniss di Catania, Danilo La Piana, e dal responsabile del procedimento per la Regione Domenico Pallaria. L’investimento registra anche con la compartecipazione del privato concessionario, la Infrastrutture Lombarde, con le opere che dovrebbero essere cantierabili entro otto mesi, considerato che l’area è già disponibile. Lo stesso iter seguirà anche per l’ospedale di Vibo Valentia, la cui firma del contratto è già pronta, quindi a seguire il via libera anche per Gioia Tauro e Catanzaro. Dopo la firma, la presidente Stasi ha espresso la propria soddisfazione: “È una giornata importante per la Calabria e per la giunta Scopelliti che ha seguito il progetto per la costruzione dei nuovi quattro ospedali, impegnandosi fortemente per superare tutte le criticità che si sono presentate nel corso degli anni”. Antonella Stasi si è soffermata sui tempi di programmazione degli interventi: “Si parla della realizzazione di questi ospedali dal 2007 - ha sostenuto - ma concretamente si è partiti solo nel 2010 e, nel 2011, è stata la nostra giunta, guidata dal presidente Scopelliti, ad imprimere una decisiva accelerazione. Si tratta di un risultato che fa il paio con il fatto che, per la prima volta, quest’anno, il bilancio della sanità chiuderà con un attivo di 42 milioni di euro. Certo, sui livelli essenziali di assistenza, la Calabria non ha raggiunto la media nazionale - ha proseguito - ma anche in questo caso sono stati fatti passi da gigante con un punteggio che da 88 è arrivato a 132, raggiungendo la sufficienza”. Soddisfatto anche l’assessore Gentile: “Da quarant’anni non si realizzava un ospedale in Calabria, per questo è una giornata storica”. Gentile ha anche spiegato che sono state individuate “le risorse per consentire di realizzare condizioni tali da rendere agevole il raggiungimento dell’ospedale”.




 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa