Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Economia»

Ministero della Giustizia inadempiente: il Comune si costituisce in giudizio      
  11 settembre 2014
 


CATANZARO. Il Comune si è costituto in giudizio contro il Ministero di Grazia e Giustizia per tutelare il diritto dell’Ente a ricevere l’85% delle spese rendicontate dal Ministero per il mantenimento (fitti, manutenzioni, illuminazione, riscaldamento, telefonia, pulizia e vigilanza), sempre a carico del Comune, degli Uffici giudiziari del Capoluogo di regione. È la delibera più rilevante approvata dalla giunta comunale presieduta, questa mattina, dal sindaco Sergio Abramo, assistito dal segretario generale Vincenzina Sica. Nel documento, predisposto dal settore avvocatura diretto da Saverio Molica, l’esecutivo di Palazzo De Nobili ha affidato l’incarico ad un legale esterno per tutelare gli interessi dell’Ente. La problematica, era stata già evidenziata dal sindaco Abramo nello scorso mese di febbraio al presidente del Palazzo di Giustizia del Capoluogo, Domenico Ielasi. Con una successiva diffida formale inviata dal Comune al Ministero sono state quantificate le somme rendicontate per il triennio 2011-2013, il cui saldo si aggira intorno agli 11 milioni di euro. Ad oggi, considerato che a palazzo de Nobili, non è pervenuto alcun riscontro la giunta ha deciso di adire le vie legali. L’esecutivo, su proposta del settore gestione del territorio diretto da Carolina Ritrovato, ha assegnato la somma di 520mila euro per la gestione dei servizi cimiteriali nel biennio 2015-2016. Prorogato fino al dicembre 2014 il servizio di trasporto degli alunni diversamente abili delle scuole primarie e secondarie di I e delle secondarie di II grado effettuato dall’Amc impegnando all’apposito capitolo la somma pari a 25 mila euro. La pratica è stata predisposta dal settore cultura, istruzione e sport diretto da Saverio Molica. Lo stesso settore ha proposta la delibera riguardante la transazione, pari a 84mila euro, per il fitto dei locali di proprietà della “Crea investimenti group Srl” per le attività scolastiche dell’Istituto comprensivo “Casalinuovo”. Approvate, infine, altre sei pratiche proposte dal settore avvocatura, concernenti giudizi di risarcimento danni nei confronti dei privati.


 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa