Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Economia»

I sindacati: “Occorre trovare i soldi per i sorveglianti idraulici”      
  15 settembre 2014
 


CATANZARO. Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil, in una nota, esprimono soddisfazione per l’incontro tenutosi in Prefettura a Catanzaro, alla presenza del Prefetto Cannizzaro, del Direttore Generale dei lavori pubblici della Regione Pallaria e del Direttore Generale di Calabria Verde Paolo Furgiuele. “All’incontro - è scritto - si è giunti grazie alle continue richieste delle organizzazioni sindacali nei confronti degli assessorati competenti, nonché al Presidente della Giunta facente funzioni, con scarsi risultati ed infine alla richiesta fatta pervenire al Prefetto in data 2 settembre per discutere della mancata corresponsione degli stipendi dei lavoratori del comparto della Sorveglianza Idraulica. Durante l’incontro - si legge - è stata descritta la drammatica situazione in cui versano questi lavoratori ed ai quali la mancata copertura finanziaria della Legge 25/2013 in Carico a Calabria Verde che ha trasformato il contratto da part-time a full time, ha portato alla non erogazione del saldo della mensilità di giugno, luglio ed agosto”. Dal canto loro, si fa rilevare ancora, “i responsabili dei lavori pubblici e di Calabria Verde hanno evidenziato il mancato trasferimento dei fondi da parte della Regione e pertanto impossibilitati al pagamento delle spettanze all’intero settore. A questo punto il Prefetto dopo aver sentito i rappresentati delle organizzazioni sindacali, ed avendo inquadrato la situazione drammatica in cui versano questi lavoratori, ha assicurato un suo celere intervento presso i vertici della Giunta regionale attraverso un incontro con il Presidente facente funzione Stasi al fine - scrivono ancora i sindacati - di poter avere chiarimenti ed individuare un percorso che possa portare ad una soluzione positiva della vicenda di questi lavoratori, attraverso l’individuazione dei fondi che possano garantire la copertura finanziaria degli stipendi fino a fine anno”.




 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa