Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Politica»

Nesci (M5S) chiede un’ispezione nel Tribunale di Catanzaro      
  15 settembre 2014
 


CATANZARO. Ispettori “per accertare, la produttività, l’entità e la tempestività del lavoro dei singoli magistrati” al tribunale di Catanzaro sono stati chiesti dalla deputata del M5S Dalia Nesci, che stamani ha presentato un’interrogazione al ministro della Giustizia Andrea Orlando, rilevando “la preoccupante lentezza di un processo in cui sono accusati - per la nomina di Alessandra Sarlo a capo del dipartimento regionale Controlli, creato da zero - sia l’ex governatore della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti (Ncd) che l’assessore al Personale Domenico Tallini (Forza Italia)”. “A Catanzaro - ha scritto la parlamentare Cinque Stelle al ministro Orlando - c’è pure il processo che coinvolge l’ex presidente della Calabria Giuseppe Chiaravalloti e membri della sua giunta di allora, in relazione a presunte pressioni per la nomina di un primario ospedaliero”. Per la deputata Cinque Stelle anche in questo caso la giustizia viaggerebbe a velocità ridotta, al punto che il procedimento, come altri in corso a Catanzaro, potrebbe arrivare a prescrizione in assenza di provvedimenti immediati. Secondo Nesci c’è il rischio che sia vanificata l’azione di magistrati seri e coraggiosi che si occupano di reati gravi contro la pubblica amministrazione. Di recente il mangiamangia del potere ha conosciuto in Calabria livelli senza precedenti. Ai calabresi sono stati rubati milioni di soldi pubblici, dati abusivamente a compari e servi di palazzo. Ora chi ha sbagliato deve pagare, senza sconti o scappatoie”.


 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa