Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Politica»

Oliverio (Pd): “Aprire un confronto sulla filiera delle pesche”      
  15 settembre 2014
 


CATANZARO. “Accogliamo con soddisfazione l’appello del sindacato alla Regione Calabria per chiedere un intervento urgente e concreto a sostegno della filiera produttiva delle pesche e nettarine della sibaritide. È infatti urgente e necessario che le istituzioni, ai diversi livelli, accolgano l’appello delle forze sociali ed affrontino la crisi che ha colpito la filiera produttiva delle pesche e nettarine”. Lo afferma il capogruppo del Pd nella Commissione Agricoltura della Camera, Nicodemo Oliverio, che sottolinea: “Nel distretto agroalimentare della sibaritide la situazione climatica, la crisi economica e i blocchi internazionali hanno messo in ginocchio un settore che è fondamentale per l’intera economia calabrese. L’Unione Europea ha riscontrato la crisi del settore specifico ed è intervenuta tardivamente e in maniera assolutamente insoddisfacente per poter consentire ai produttori una normale ripresa delle attività colturali. Tale comparto, che ha un valore strategico per l’intera economia regionale, dà lavoro a seimila persone, producendo occupazione e reddito che il più delle volte è l’unica forma di sostentamento per centinaia di famiglie. L’intervento della Regione Calabria con misure adeguate, si fa urgente e indispensabile per contribuire a mitigare i riverberi economici, occupazionali e sociali e per individuare una efficacia soluzione strutturale per la filiera delle pesche e nettarine. Purtroppo non può che stupire - continua Oliverio - la scarsa sensibilità della Regione Calabria, che in un momento di grave crisi economica e sociale, non ha ancora sentito i produttori e le forze sindacali al fine di verificare modi e tempi per affrontare una crisi che rischia di travolgere l’intero comparto. È per questo che vogliamo far sentire la nostra vicinanza alle categorie interessate e sostenere la battaglia delle forze sociali, chiedendo alla Regione di aprire immediatamente un tavolo di confronto che sia rapido e decisivo”.


 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa