Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Spettacoli»

Mostre e musica al Festivart di Rende      
  8 ottobre 2008
 

RENDE. Ha riaperto il sipario Festivart, la rassegna promossa dal Cams (Centro arti musica e spettacolo) e dal Centro Residenziale dell?Unical. Nello spirito di FestivArt, l?alternanza di linguaggi artistici differenti, si è svolta la giornata che ha segnato la ripresa delle attività dopo la pausa estiva. Negli Spazi Cams dell?edificio Polifunzionale è stata inaugurata la mostra Contact di Fedele Tocci. L?artista calabrese propone opere pittoriche realizzate con vari materiali e video installazioni, tutte testimonianze del suo percorso di introspezione e insieme di sperimentazione tecnica. L?esposizione sarà visitabile fino al 21 ottobre (dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13; dal lunedì al giovedì anche dalle 16 alle 19). L?ingresso è libero. Dopo il vernissage, in serata il pubblico si è spostato al Ptu Piccolo Teatro Unical per il concerto Splendore barocco tenuto dall?Ensemble di musica antica del Conservatorio di Cosenza. Il gruppo, composto da docenti specialisti in questo repertorio e allievi dei corsi superiori, ha messo in evidenza le raffinatezze e gli elementi decorativi tipici della produzione artistica dell?epoca. I musicisti si sono alternati in formazioni diverse, dal trio in su, sino al finale fuori programma (un bis richiesto a gran voce) regalato da una orchestra barocca di una dozzina di elementi. I brani in programma hanno dato la possibilità di conoscere le atmosfere sonore sei-settecentesche secondo le diverse aree geografico- culturali, italiana francese e tedesca, e di apprezzare alcuni strumenti tipici dell?epoca, come il flauto dolce, il traversiere, la viola da gamba, il fagotto barocco, il clavicembalo. Giovedì 9 FestivArt prosegue con un cambio repentino di periodo storico e stile. Il concerto Shadow line per flauto e live electronics, in programma al Ptu alle ore 21, vedrà il flautista e compositore bolognese Emilio Galante impegnato in un?originale performance. Le esecuzioni dei brani di Debussy, Ziegler, Scarvaglieri, Larson, Wesley-Smith e dello stesso Galante comprendono suoni dal vivo, ottenuti dal flauto in modo tradizionale, insieme a elaborazioni elettroniche dei suoni stessi o basi preregistrate. Il concerto rappresenta un?occasione da non perdere per chi ama le più recenti sperimentazioni nell?ambito del linguaggio musicale. Al Ptu si accede con un biglietto da 5 euro, oppure con la tessera abbonamento maggio-novembre da 20 euro. Per gli studenti universitari, medi e del Conservatorio, nonché per il personale Unical, biglietto 1 euro e abbonamento 10 euro. (08-10-08)

 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa