Sei qui: HOME

Primo piano


Vai alle altre notizie di «Informazione»

Regione, giornaliste dell’ufficio stampa: “Dati falsi sui nostri stipendi”      
  15 marzo 2010
 


CATANZARO. Le cinque giornaliste assunte un anno fa dalla Regione Calabria attraverso un avviso pubblico e inserite nell’ufficio stampa della Giunta, rispondono ad un intervento del sen. Del Pdl Antonio Gentile. “Il nostro contratto - scrivono - in fase di scadenza, ci ha assicurato uno stipendio dignitoso ma molto lontano dalle cifre tirate in ballo nelle polemiche degli ultimi giorni su “Calabria Web”. Leggiamo in una lettera pubblicata oggi da un quotidiano locale, a firma del senatore Antonio Gentile, di “280 mila euro per cinque giornalisti”. È assolutamente falso. Il nostro stipendio, da funzionari regionali categoria D3, è di 1522 euro al mese, nettamente inferiore - continua la nota - a quello che la Sorical eroga, come consulente e senza alcun concorso, al giornalista che funge anche da portavoce dello stesso senatore. A testimonianza di ciò, se fosse necessario, mettiamo a disposizione del senatore Gentile le nostre buste paga. Non ci sembra una spesa folle per cinque giornaliste professioniste, iscritte all’albo, che non sono state “arruolate” come scrive sempre il senatore Gentile ma hanno sostenuto e vinto un regolare concorso. In quest’anno abbiamo cercato di lavorare al meglio, come possono testimoniare molti colleghi, anche del suo giornale, con cui abbiamo avuto il piacere di collaborare. Lo abbiamo fatto con umiltà e professionalità. Ci dispiace essere trascinate in una polemica che non ci riguarda. E da cui - si legge in conclusione - ci piacerebbe essere tenute fuori”.

 
condividi    OKNOtizie Facebook MySpace LinkedIn Del.icio.us Stampa